Prisma app: le immagini verranno processate sullo smartphone

Commenta

È ormai un mese che Prisma app, interessante per trasformare le foto in dipinti, è disponibile sul Play Store. Nel frattempo gli sviluppatori si stanno adoperando per portare continue migliorie a questa applicazione campione di download.

Le nuove versioni di Prisma app trasformeranno le vostre foto più velocemente

Alcuni cambiamenti erano stati presentati subito dopo il primo rilascio, come il pulsante che permette di salvare le foto trasformate, ma in cantiere ci sono novità più elaborate. Come vi avevamo già raccontato, Prisma sfrutta degli algoritmi basati su intelligenza artificiale avanzata per poter adattare gli effetti disponibili alle vostre foto.

A differenza di altre app popolari, come Instagram, il processo di trasformazione non avviene sul dispositivo, ma la foto da trasformare viene inviata ai server di Prisma e poi restituita al dispositivo modificata. Il traffico generato durante i primi giorni di rilascio, aveva mandato velocemente in sovraccarico i server dell’applicazione, rallentando (anche fino a bloccare) l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente.

Prisma

Novità interessanti in arrivo per Prisma

Adesso gli sviluppatori hanno annunciato, che stanno lavorando per poter spostare il processo di trasformazione direttamente sul dispositivo, in modo da alleggerire i server dal sovraccarico di lavoro. Secondo uno status postato su Facebook, questa feature sarebbe già disponibile per la versione iOS dell’app, mentre a breve arriverà anche su Android. Inoltre, sembrerebbe che siano al lavoro anche sulla possibilità di applicare gli ormai famosi effetti anche ai video. E voi, utilizzate Prisma app? Cosa ne pensate di questi nuovi aggiornamenti?

Google Play logo

 

Fonte

 

Luca Petrocchi

Autore

Luca Petrocchi

Una vita "spesa" a scartabellare blog su blog e a condividere qualsiasi informazione tecnologica. Poi un giorno ho comprato il mio primo smartphone Android e da quel momento la mia vita è cambiata!

Prossimo

Commenti sul post