MasterGeek Smartphone AGCOM chiede "Pedaggio" a WhatsApp e simili

AGCOM chiede “Pedaggio” a WhatsApp e simili

- Advertisement -

Sono rimasto davvero basito dalla proposta di AGCOM di mettere una sorta di “pedaggio” per le app di instant Messaging tipo WhatsApp, Telegram, Facebook Messenger ecc, con il “pretesto” di far pagare l’utilizzo della rete fornita dai gestori telefonici, pagate a caro prezzo. Nel mondo un miliardo di persone usa Whatsapp. Ogni giorno, vengono scambiati in Italia milioni di messaggi grazie a questa applicazione che in pochi anni ha letteralmente dismesso l’uso degli SMS. Eppure Whatsapp (ma anche le altre app simili) non pagano l’uso della rete internet. A questi temi ha dedicato una ricerca l’AGCOM, che presenta “i numerosi problemi regolamentari posti dallo sviluppo e dalla diffusione dei consumer communications services, passando in rassegna le possibili opzioni regolatorie in ambito europeo e nazionale, evidenziandone rischi e opportunità”.

Giusto paragonare il pagamento della rete telefonica delle app con il pedaggio autostradale?

Il Garante sottolinea che WhatsApp e simili, dovrebbero pagare un “pedaggio” alle società di telecomunicazione che invece investono a caro prezzo sullo sviluppo delle reti. Un tema scottante e alquanto assurdo l’esempio fatto dal commissario Antonio Preto: “E’ come andare in autostrada, sfruttando il lavoro di altri, e non pagare il casello”. Il commissario AGCOM continua sostenendo che “Queste applicazioni usano anche i numeri di telefono che le società acquistano dallo Stato prima di assegnarli ai propri clienti, e lo fanno gratuitamente, un doppio privilegio che andrebbe regolamentato attraverso una negoziazione tra gli sviluppatori delle App e le compagnie telefoniche”.

Il tutto a carico dell’utente finale che già sta pagando tariffe e opzioni per traffico dati? Ovviamente SI

Tra le misure ipotizzate vi è quella che Whatsapp e le altre app remunerino l’utilizzo delle infrastrutture. “Il fine è quello di promuovere gli investimenti sostenuti dagli operatori di rete che sostengono l’ingente quantità di traffico dati che i servizi a valore aggiunto generano”. E’ una ipotesi riguardante gli accordi d’interconnessione tra OTT e TLC da realizzarsi attraverso un obbligo di negoziazione, con l’obiettivo di individuare le modalità d’interconnessione e il relativo prezzo. Ciò non implica costi diretti per l’utente, ma è ovvio che se le società della App di messaggistica immediata dovranno pagare questo “pedaggio” si ripercuoterà sugli utenti. In una nota si evince infatti che sarà concesso alle società fornitrici dei servizi di poter attingere anche dal credito telefonico.

Tutto ciò, ovviamente, solo in Italia. E’ giusto secondo voi che in tutti gli altri paesi del mondo, nessuno dovrà pagare questa tassa, ma solo in Italia? Grazie AGCOM.

 

Luca Petrocchi
Luca Petrocchi
Una vita "spesa" a scartabellare blog su blog e a condividere qualsiasi informazione tecnologica. Poi un giorno ho comprato il mio primo smartphone Android e da quel momento la mia vita è cambiata!

Più letti

Modellismo Auto: passione geek?

Il modellismo auto, come sappiamo, è quell’attività collocata a metà strada tra l’hobby e l’arte, che consiste nel realizzare modelli in scala...

Update Google Duo: note, messaggi audio e tanto altro

Continua la scalata di Google Duo alla vetta delle applicazioni di messaggistica più utilizzate sugli smartphone. Dopo aver scoperto cos'è e le...

Come creare un account Google

Quando si pensa ad internet la prima cosa che viene in mente è Google, il più grande motore di ricerca che da...

Amazon Alexa: cos’è e come funziona

Amazon Alexa è il nome che si attribuisce ad uno degli ultimi dispositivi elettronici più innovativi. Si parla di un'intelligenza artificiale che...

Come pulire le nostre cuffiette preferite

Le cuffiette sono ormai entrate a far parte degli accessori della nostra quotidianità. Le usiamo ovunque: per ascoltare musica e video, per...

Burraco online: quale scegliere anche senza registrazione

Vi piace giocare a carte e vorreste organizzare una partita a burraco ma non avete il tempo per farlo? Nessun problema! Quando...

Come fare per: nascondere orario ultimo accesso a Facebook

A chi di voi non è mai capitato di avere seccature a causa di persone che controllano il nostro ultimo orario di...

Come collegare una cassa Bluetooth al telefono

Quando arriva il momento di ascoltare la musica sul tuo telefono, non c'è modo migliore ormai, vista la mancanza sempre più costante...

Uova Pokémon Go: contenuto, lista aggiornata e trucchi

Le uova Pokémon Go costituiscono una delle caratteristiche più avvincenti di tutto il gioco. La loro schiusa permette ai Pokémon di “nascere”...

Codice QR Whatsapp web: dove lo trovo?

Sono moltissime le ragioni per le quali potresti voler iniziare ad usare WhatsApp Web, una funzionalità molto utile della popolare applicazione di...

Lettore QR Code: tutto quello che devi sapere

È ormai frequente, navigando online, imbattersi in un QR Code. Si tratta di un’immagine, apparentemente senza una forma specifica, che si presenta...

Errore durante l’analisi del pacchetto: risolvere il fastidioso problema

Se sei atterrato su questa pagina vuol dire che sulla schermata del tuo smartphone Android hai un messaggio di errore che recita:...

Verifica CRO: come sapere se un bonifico è reale oppure no

Ti sarà capitato sicuramente almeno una volta nella vita di ricevere un bonifico e di conseguenza di richiedere la famosa "contabile" per...

Cos’è e come si usa Google Duo

Quante app esistono di cui hai sentito poco parlare, ma che se confrontate con altre hanno funzioni decisamente più interessante e soprattutto...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui