fbpx

Apple sta per presentare iMessage per Android?

iMessage per Android

iMessage il famoso servizio di messaggistica istantanea introdotto da Apple nel lontano 2011, ai tempi del lancio di iOS 5, starebbe per sbarcare su Android. C’è molta curiosità sul WWDC Apple 2016, che si terrà domani a San Francisco e che potrebbe appunto presentarne il debutto. La notizia è trapelata da MacDailyNews, per il quale è sicura il prossimo rilascio di iMessage per Android.

iMessage per Android: multipiattaforma come voleva Steve Jobs

La mossa (forse un po’ in ritardo, visto lo strapotere di WhatsApp e di Telegram) potrebbe risultare interessante visto che Google dopo vari esperimenti, ancora non è riuscita a impadronirsi di una grande fetta dei propri utenti sulla messaggistica istantanea, vedi anche i continui esperimenti e cambiamenti dei servizi Google. Attualmente l’unico modo per poter utilizzare iMessage su Android è quello di usare un Mac come server con il servizio PieMessage (progetto) attivo, tutt’altro che comodo. Nel 2011 quando Steve Jobs presentò iMessage e Facetime suggerì che diventasse uno standard aperto e multipiattaforma, cosa che invece non è mai avvenuta.

Apertura dei servizi Apple al Multipiattaforma?

Al giorno d’oggi, possiamo dire che tutti i più grandi servizi di messaggistica istantanea sono multipiattaforma (WhatsApp, Telegram, Hangouts). iMessage, che permette di inviare e ricevere non solo messaggi ma anche video e altri documenti ha una forte limitazione: funziona solo nell’ecosistema Apple. Con l’annuncio di lunedì l’App moltiplicherebbe i propri utilizzatori di svariati milioni di account in più.

Un segnale che Apple stia aprendo (finalmente) i propri servizi al multipiattaforma? E perché no che estenderà l’apertura dei servizi iMessage e FaceTime anche a terze parti come aveva pensato il rimpianto Steve Jobs nel 2011? . Oltre ad iMessage dovrebbero essere presentati il nuovo sistema Mac che cambierà nome da OS X a MacOS e soprattutto riflettori su “Siri“, con grandissime novità, rimasto infatti troppo indietro rispetto alla concorrenza.