fbpx

Spotify su Android gratis: la guida in italiano

Spotify Android Gratis

Spotify è la piattaforma musicale più famosa e apprezzata del momento, con cui ascoltare milioni di brani gratuitamente oppure a pagamento, sottoscrivendo il servizio Premium. Non tutti però sono disposti a pagare l’abbonamento, preferendo soluzioni alternative come Spotify Premium craccato Android. Per farlo è necessario scaricare e installare dei pacchetti apk, dei file che consentono di inserire nel sistema operativo Android dei programmi senza autorizzazione.

Naturalmente ciò comporta dei rischi, poiché si possono contrarre virus e soprattutto i pericolosissimi malware, che possono danneggiare il device, rubare dati e informazioni riservate, oppure accedere ad applicazioni sensibili come l’app della banca o i profili social. Per questo motivo, anche se in questo articolo vedremo come scaricare Spotify craccato su Android, valuta sempre se vale la pena correre tale rischio.

Come scaricare Spotify craccato su Android

Se proprio non vuoi spendere nulla per ascoltare musica sulla piattaforma, nonostante sia una pratica illegale e scorretta è possibile ottenere Spotify craccato gratis su Android. Per farlo esistono diversi metodi, come il download dei file apk, in questo modo puoi reperire Spotify Premium gratis, senza pagare l’abbonamento come avviene invece per la configurazione normale del servizio.

Spotify craccato Android apk

Spotify Gratis

L’opzione più semplice per avere Spotify Premium su Android gratis, consiste nell’utilizzare i file con estensione apk (Android Application Package). Si tratta di risorse specifiche per sistemi operativi Android, per un certo verso simili ai file con estensione .exe utilizzati per tutte le versioni Windows 10, oppure ai file .dmg per le applicazioni all’interno del sistema operativo macOS della Apple.

Con questi pacchetti è possibile installare dei software, inserendoli nel proprio device mobile Android, come smartphone e tablet. La prima cosa da fare, dunque, è scaricare un file apk per Spotify su Android, salvandolo all’interno del sistema operativo del proprio dispositivo. Per farlo è necessario entrare nelle Impostazioni del telefono, aprire la sezione Sicurezza e autorizzare la voce Origini sconosciute.

Ciò permette di avviare il pacchetto di file contenuti nell’apk scaricato, altrimenti il sistema non riconoscendo l’autore non consentirà di installare il programma. Dopodiché bisogna andare su Google Play Store ed eseguire il download dell’app ES File Explorer, oppure di applicazioni simili, poi basta aprire la cartella con il file apk, installare il programma e avviarlo. Il download lo puoi eseguire dal portale mediafire.com, scegliendo la versione Spotify Premium apk v8.4.0.539.

Le versioni di Spotify craccato gratis Android vengono bloccate con frequenza, quindi se il pacchetto dovesse smettere di funzionare devi necessariamente trovare un nuovo file apk da scaricare. Un sito che fornisce altre versioni valide è sempre mediafire.com, tuttavia devi registrarti e attivare un account, evitando di fare login tramite Facebook per non compromettere la sicurezza del tuo profilo. Poi devi solo cercare apk Spotify Premium e scaricare la versione v8.5.6.673.

Quali rischi si corrono installando dei file apk su Android

Su internet puoi trovare tantissimi file apk Spotify Premium craccato Android, devi soltanto effettuare una ricerca sul web e scaricare il pacchetto, eseguendo la procedura indicata per abilitare l’installazione di programmi con origini sconosciute. Allo stesso tempo è importante prestare molta attenzione, poiché questi file potrebbero essere compromessi, quindi oltre a rischiare di ricevere il ban da Spotify potresti installare anche malware e altri virus nel sistema operativo.

Spesso infatti i malware vengono nascosti proprio all’interno dei pacchetti apk, poiché sono estremamente difficili da scovare e individuare. È un po’ lo stesso sistema utilizzato per i file del pc, quando si scaricano programmi craccati, con il rischio di inserire un virus nel sistema che compromette l’integrità del computer. Il procedimento è il medesimo anche con gli smartphone, perciò valuta sempre se è il caso di procedere considerando tutti i rischi che questa operazione comporta.

Come funziona e quanto costa Spotify

Prima di concludere è bene ricordare che esiste un’altra possibilità, per usare Spotify Premium senza spendere una fortuna e pagare l’abbonamento integrale. Innanzitutto tutti i piani prevedono una periodo di prova di 3 mesi, quindi puoi ascoltare milioni di tracce musicali senza pubblicità gratuitamente, sottoscrivendo il servizio ma senza attivare il rinnovo quando diventa a pagamento, dunque dopo i primi 90 giorni.

Se invece vuoi continuare, con il piano Student hai uno sconto del 50%, pagando invece di 9,99 euro al mese appena 4,99 euro, usufruendo di tutte le funzionalità come l’assenza di pubblicità, la riproduzione in modalità offline e l’opzione on-demand. Altrimenti con il piano Spotify Premium Family si possono collegare fino a 6 dispositivi, pagando una tariffa di 14,99 euro al mese, perciò è possibile connettersi a un servizio multiplo con un costo di soli 2,50 euro al mese per ogni device o account.

Come vedi, dunque, devi considerare attentamente se vale la pena correre dei rischi scaricando file apk per Spotify craccato Android, oppure se è meglio scegliere una di queste opzioni, pagando un prezzo minimo per accedere a un servizio veramente ottimo. Almeno, se decidi di procedere comunque, valuta la possibilità di installare un buon antivirus per Android, in questo modo puoi cercare di limitare i danni qualora dovessi installare un malware all’interno del device.